32°C a ROCAMADOUR

Le Nostre Notizie

25 mag 24

Archeosito di Fieux

Visita il sito dell'Archeosite des Fieux a 20 minuti da noi.

80.000 anni fa, quando gli uomini preistorici vagavano per la valle della Dordogna alla ricerca di grossa selvaggina.

L'Archéosite des Fieux raccoglie le tracce dell'occupazione umana che si estende su diverse decine di millenni. A nord dei Causses du Quercy, vicino a un'ansa della Dordogna, era un importante terreno di caccia e un habitat temporaneo, dai Neanderthal agli esseri umani moderni (noti come Cro-Magnon). Trappola faunistica per il primo, rifugio e luogo di espressione artistica per il secondo, i Fieux sono un sito eccezionale per comprendere la vita materiale e spirituale degli uomini preistorici, in un lungo periodo di tempo.

Le tracce e i resti si estendono su diversi loci, siti di scavo che raccontano ciascuno di diverse aree di frequentazione umana. Il risultato di questa ricerca ha portato all'inserimento di Les Fieux nell'inventario aggiuntivo dei Monumenti Storici il 3 febbraio 1993.

Quanto alla grotta decorata, classificata Monumento Storico dal 17 gennaio 1967, è contemporanea ad altre testimonianze dell'arte rupestre del Quercy, come Pech Merle o Cougnac, con forse una fase più antica, eccezionale per la regione.

La scoperta archeologica di Les Fieux è stata anche una lunga avventura umana, dalla scoperta della grotta nel 1964, fino alla ripresa degli scavi nel 2006. Ma questo sito sincero, scavato meticolosamente per 50 anni, forse solo non ha ancora rivelato tutto i suoi segreti.

Circuito di scoperta - Attività proposte con la visita tutti i giorni (adulti e bambini)

Sessioni alle 10:00, 14:00 o 17:00

Senza prenotazione

Novità: scoperta accompagnata del sito

Dimostrazioni e attività interattive sull'accensione del fuoco, strumenti in selce e osso, strumenti musicali e di comunicazione, arte rupestre, armi da caccia e tiro con l'elica.

L'"angolo dei bambini" - Ulteriori attività creative per i bambini

Laboratori ore 16:00 Su prenotazione (posti limitati)

Lunedì giovedì :                        realizzare un ciondolo (collana) a partire dai 5 anni

Martedì e venerdì: introduzione alle tecniche di scavo a partire dai 7 anni (probabile sostituzione con modellazione mammut in caso di caldo molto elevato)

Mercoledì e domenica: creazione di una lampada di grasso a partire dai 5 anni

SABATO : modellazione di mammut in argilla dai 7 anni

Gioco investigativo a grandezza naturale Préhist'homicide (serate ""Préhist'Origines"")

Dal lunedì al venerdì alle 19:00 (10 luglio - 1 settembre)

Shock nel Fieux... Lo sciamano è stato assassinato!

Partecipa a un'importante indagine sul campo... Il tempo stringe... 1h30 per raccogliere indizi, trovare l'arma e la scena del crimine e catturare il colpevole. Sorpresa all'arrivo...


11 mag 24

Giulio Cesare a Uxellodunum nel Lot

Nel 51 aC Giulio Cesare combatté una delle sue ultime battaglie della guerra gallica , attorno all'oppidum di Uxellodunum . Accanto a Saint Denis vicino a Martel.

Fu l'ultimo grande scontro militare della guerra gallica, completò in particolare l'azione di Cesare nella regione, che approfittò della sua vittoria per risparmiare la vita ai vinti tagliando loro le mani, affinché tutti sapessero quanto gli costò caro sfidare la sua autorità.

La battaglia costituisce il punto finale della pacificazione della Gallia e del suo definitivo passaggio sotto il dominio romano. La battaglia si concluse con la vittoria romana, dopo diverse settimane di scontri intorno alla città e importanti lavori di castramificazione.


01 giu 24

In canoa sulla Dordogna

Grazie alle calme acque della Dordogna, la canoa è un'attività ricreativa accessibile a tutti, purché sappiano nuotare senza assistenza e abbiano almeno 6 anni.

Il fiume accoglie ogni anno 4 tipologie di partecipanti:

  1. principianti
  2. dilettanti
  3. l'esperto
  4. i temerari

Gli amanti del brivido scelgono di partire da Argentat-sur-Dordogne dove lo stretto fiume permette di navigare alcune belle rapide di classe 2. Da Beaulieu-sur-Dordogne, la Dordogna si allarga, la corrente si calma e prendono forma le prime scogliere calcaree. Il fiume è di classe 1, il più facile. I villaggi sulle rive si susseguono: Carennac, Gluges, Saint-Sozy, Lacave…

Quindi, come funziona ?

Le società di noleggio canoe offrono i loro servizi in più di 30 basi situate lungo il fiume nella Corrèze , nel Lot e nella Dordogna. Spesso è preferibile parcheggiare il veicolo alla base di partenza. È previsto un sistema di navette per riportare tutti all'arrivo.

La maggior parte delle società di noleggio offrono escursioni di mezza giornata (di solito 14 km) o di una giornata intera (tra 14 km e 28 km). I canoisti che optano per il percorso più breve sono liberi di prendersi il loro tempo e sfruttare al massimo la giornata sul fiume facendo pause picnic, nuotando, ecc. Basta essere puntuali alla navetta di ritorno selezionata.


#Rocamadour_canoer_Dordogne
29 mar 24

Parco faunistico di Gramat

Situato nel cuore della valle della Dordogna, vicino a Rocamadour e Padirac, il parco faunistico Gramat riunisce 1000 animali selvatici e domestici di 150 specie europee diverse.

Parti per un'avventura ed esplora i 42 ettari ombreggiati del Parco degli Animali!
Un ambiente naturale protetto, emblematico dei Causses du Quercy dove divertente ed educativo vi faranno vivere una giornata unica.

Con la famiglia, gli amici, scappa!

Autenticità, tranquillità, aria fresca e ampi spazi vi aspettano per una giornata indimenticabile.

Prenota la tua camera su www.hoteldesvoyageurs.eu.

A presto

Sylvie e Meindert

Hotel des Voyageurs

Rocamadour


#Rocamadour #parc #animalier #de #Gramat
16 mar 24

La Roccia delle Aquile

Il Rocher des Aigles, annidato nel cuore del parco naturale regionale delle Causses du Quercy, nell'arido paesaggio di Rocamadour, offre un ambiente selvaggio e preservato, un invito al viaggio: la scoperta e l'apprendimento di un mondo in cui la nozione di alterità gioca un ruolo importante ruolo primordiale.

I rapaci e i pappagalli invitano i visitatori a condividere la loro realtà, lungi dal mostrare uno spettacolo illusorio dove i molteplici riflessi del trompe l'oeil cullano un'immaginazione condizionata, rivelano durante le loro imprese aeree la parte intatta della loro natura selvaggia; una sfida per gli uccelli nati in cattività? Cattività, questo è un termine che offende la sensibilità mentre traduce una realtà basata sui fatti: molte specie sono ancora minacciate, alcune sono in via di estinzione, altre sono scomparse, di fronte a questa constatazione la conservazione delle specie deve essere la missione dei parchi zoologici , ma la conservazione richiede un quadro.
Gli uccelli conservati e protetti in cattività, cioè in un determinato ambiente, sono simboli viventi che possono consentire la reintroduzione delle specie in natura.
La prigionia non va intesa come privazione totale della libertà, ma come un compromesso: alcuni uomini distruggono, altri ricostruiscono, spetta agli eredi degli errori passati realizzare una nuova realtà.

A Rocher des Aigles, donne e uomini vivono quotidianamente con i loro protetti, gli uccelli hanno fatto di questo luogo in cui i visitatori entrano nel loro territorio, sono a casa: sia nelle voliere, sul blocco o nel cielo, da qui il famoso adagio: "" sei qui nel territorio degli uccelli"".

La piccola ombra che si vede nel cielo, emblema di una filosofia, è portatrice di speranza, significa non solo che l'uccello ha accettato l'uomo ma anche che si fida di lui, è la prova vivente che la reciprocità tra uomo e animale è possibile, è la prova che la tecnica umana che rispetta l'integrità degli animali è costruttiva, è infine garanzia di autenticità per il visitatore che, mentre fa un'esperienza singolare, sperimenta le sensazioni di una natura selvaggia e affascinante, che condurrà sempre le vie dell'umiltà e della conoscenza.


#Rocamadour #Rocher #des #Aigles
22 mar 24

Il baratro di Padirac

La voragine di Padirac è l'ingresso monumentale di una cavità naturale, situata nel Lot in Francia, della dimensione di circa 35 metri di diametro. Sul fondo di questa voragine, profonda 103 metri, scorre un fiume sotterraneo che percorre parte di una vasta rete di oltre 55 chilometri di sviluppo.

Il Gouffre de Padirac è a 18 km da noi, circa 15 minuti in macchina.

Prenota i tuoi biglietti online.


#Rocamadour #Gouffre #de #Padirac
17 mar 24

Vergine Nera Rocamadour

Con la tomba di Amadour, la Madonna Nera ha attirato folle di pellegrini a Rocamadour.

Scopri, in 6 aneddoti, miracoli insoliti, una scala salita in ginocchio e la straordinaria storia di una campana che suona da sola!

1 - La Madonna Nera di Rocamadour

Alto 76 cm, ricavato da un pezzo di legno di noce, il tempo lo ha patinato, tanto da renderlo completamente nero...

Per preservarla era necessario coprirle le mani e il viso con l'argento.

Si trova ancora oggi nella cappella Notre-Dame del santuario!

La tradizione dice che lo dobbiamo all'opera dell'eremita Sant'Amadour, da cui la roccia prende il nome.

Amadour sarebbe infatti lo pseudonimo di Zaccheo , convertito da Gesù Cristo poi giunto in Gallia per porre fine alla sua vita...

2 - Il più grande pellegrinaggio in Occidente

Rocamadour è uno dei pellegrinaggi più grandi dell'Occidente cristiano: in alcuni giorni si contano 30.000 fedeli in città!

I più grandi vennero: San Luigi e sua madre Bianca di Castiglia nel 1244, prima delle Crociate, Eleonora d'Aquitania nel 1170...

Senza dimenticare Sancie de Navarre, la cui tragica (ma vera) storia l'ha portata a pregare la Madonna Nera.

3 - Il cammino del pellegrino

Prima di poter accedere alla preziosa Madonna Nera armatevi di pazienza!

Prima di ciò, i pellegrini dovevano infatti salire una scala di 216 gradini, che percorrevano in ginocchio, soffiando un Avé ad ogni gradino.

I religiosi donano loro le catenule, piccole catene che simboleggiano i peccati che li legano.

E per poter viaggiare in tempo di guerra e arrivare sani e salvi a Rocamadour, i pellegrini indossavano la sportelles, una medaglia ovale che rappresenta la Vergine e il Bambino!

4 - Miracoli

Dal 1172 la Madonna Nera fu testimone di un numero incredibile di miracoli.

Incredibilmente, questi miracoli furono accuratamente registrati da un monaco del Limosino in un libro scritto nel 1172, Il Libro dei Miracoli !

Un'opera che raccoglie 126 racconti ingenui e toccanti, che raccontano storie insolite, come:

  • ""Braccio secco guarito dalla Vergine"";
  • ""Di un nobile che fugge dal precipizio"";
  • ""Di un cavaliere che il suo nemico non poteva ferire"";
  • ""Donna guarita da un polipo nasale""…

5 - La Vergine dei Marinai

Nella cappella i pellegrini lasciavano ex voto (offerte di ringraziamento per un favore ottenuto), in particolare modellini di imbarcazioni per i marinai salvati da morte certa.

Perché la Vergine Maria è solitamente associata ai marinai: il suo nome significa ""stella del mare in ebraico"", Maris Stella in latino. Ma ancor di più quello di Rocamadour.

Strano, per una Vergine così lontana dal mare!

La sua reputazione è tale che anche in Quebec la parrocchia più grande è dedicata a Notre-Dame de Rocamadour.

Infatti, Jacques Cartier, scopritore del Quebec, fece curare dallo scorbuto il suo equipaggio dopo una messa celebrata qui al Lot, nel 1536!

In Bretagna è venerata come patrona dei marittimi, così come in Portogallo e Spagna, essendo Rocamadour un passaggio obbligato sulla strada per Compostela.

6 - La campana

La Vergine di Rocamadour è associata alla piccola campana di ferro del X secolo che suona ogni volta che un marinaio implora la Vergine e viene salvato in mare.

Suona da solo, senza fili o trucchi!

Sono stati attestati quasi 120 miracoli.

L'ultima volta che ha suonato il campanello? Nel 1612, dopo l'affondamento di una barca bretone


#Rocamadour #Vierge #noir #miracles
15 mar 24

La storia di Rocamadour

La presenza umana a Rocamadour risale al Paleolitico superiore (Grottes des Merveilles). In questo luogo dedicato fin dalle origini al culto mariano, venne edificato un modesto oratorio, sicuramente ad opera dei primi eremiti insediatisi in un grande riparo roccioso.

Grazie all'intelligenza visionaria dell'abate Géraud d'Escorailles, Rocamadour ha assunto una dimensione europea. Dal 1152, infatti, l'Abate favorì la costruzione di Chiese nella grotta dove tutto ebbe inizio.

Nel 1166 fu scoperto il corpo molto ben conservato di uno dei primi eremiti, Amadour. Viene così mostrato ai pellegrini.

Dal 1172 sono elencati 126 miracoli. La devozione a Sant'Amadour nacque e si aggiunse al culto mariano senza mai soppiantarlo. Il pellegrinaggio ebbe un grande successo, la città si sviluppò. L'abitato è costituito principalmente da un'unica strada di 1 km. Le donazioni affluiscono e permettono l'abbellimento dei santuari. Per accogliere questi pellegrini furono costruiti quattro ospedali.

Salire lo scalone d'onore, inginocchiarsi ad ogni gradino per pregare, fa parte dell'approccio del pellegrino.

Le case fortificate sul lato della valle costituiscono il baluardo contro i vari attacchi e guerre che devastano la regione. Nel XVI secolo, le guerre di religione furono particolarmente dannose per Rocamadour.

1562, i signori della guerra Bessonie e Marchastel, saccheggiano il luogo, distruggono il corpo di Amadour e gli arredi religiosi.

La società si evolve e i grandi pellegrinaggi vengono abbandonati. Nel XIX secolo, grazie ai vescovi di Cahors e all'abate Chevalt, Rocamadour riprese vita e il restauro venne effettuato secondo il gusto dell'epoca, che aveva un fascino romantico per il Medioevo (Viollet le Duc, Prosper Merimee, Victor Hugo ....).


08 mar 24

Treno a vapore a Martel

Esci dalla sala passeggeri e, a seconda del giorno e dell'ora, una magnifica locomotiva a vapore o un potente motore diesel è in testa al treno, pronto a condurti in un fantastico viaggio.

Un giro ad anello di 13 km, a più di 80 metri di altezza sulla cengia, alla scoperta della Valle della Dordogna e dei suoi mirabili panorami.


#Train_a_vapeur_Martel
01 mar 24

Foresta delle scimmie, Rocamadour

Sulle alture di Rocamadour, venite a scoprire 150 macachi berberi in totale libertà in un parco di 20 ettari. Rimarrai stupito dalla vicinanza delle scimmie e dalla facilità di osservazione.

Le guide sono a tua disposizione per rispondere a tutte le tue domande e ti aiuteranno a scoprire i comportamenti specifici di questa specie.


#Hotel #Rocamadour #loisirs #forêt #singes
29 feb 24

19a edizione del Festival a Rocamadour dal 15 al 26 agosto 2024

Il festival è concepito come un vero e proprio ""anello di congiunzione"" tra il sacro e la creazione artistica, tra il patrimonio architettonico e il patrimonio musicale di Rocamadour. La vocazione a promuovere la musica sacra era evidente per questa città-santuario la cui Basilica di Saint-Sauveur e la Cripta di Saint Amadour sono iscritte al patrimonio mondiale dell'UNESCO. Una città vertiginosa e un patrimonio eccezionale per un'acustica perfetta che dona un tocco di magia unico ad ogni concerto.Rocamadour Festival dal 15 al 26 agosto:

16 giorni con diversi concerti al giorno tra cui: Nicola Procaccini, Ensemble la Sportella, Roberto Alagna, Renaud Capuçon, Consuelo Orchestra, Orchestra dell'Opera Reale di Versailles e tanti altri artisti famosi.

Sii veloce e prenota i tuoi biglietti su https://www.rocamadourfestival.com e prenota la tua camera su www.hoteldesvoyageurs.eu.


#Rocamadour #festival #music
18 mag 24

Uno spettacolo sorprendente!

Da 30 anni, il 4° fine settimana di settembre, si svolgono le Montgolfiades de Rocamadour. Nel cuore di un sito vertiginoso, circondato da scogliere verticali e da un vasto panorama a 360°, centinaia di mongolfiere decollano da tutti gli orizzonti. Un evento imperdibile e unico in Europa!

28 e 29 settembre 2023, 8:30 e 17:00: Le mongolfiere decollano dal Canyon dell'Alzou, ai piedi della città.

Prenota ora le tue camere!


#Montgolfiade_Rocamadour_septembre
22 feb 24

Resta fresco anche in piena estate!

Nel 90% delle camere abbiamo installato l'aria condizionata quest'inverno.

I nostri clienti possono sentirsi più a loro agio anche in piena estate con periodi di ondate di caldo.

L'aria condizionata è reversibile e questo aumenta il comfort anche nelle giornate leggermente più fresche di primavera e autunno.

Prenota ora le tue camere!


#Hotel #Rocamadour #climatisation #comfort #canicule
18 feb 24

WiFi in fibra gratuito

Quest'inverno abbiamo installato la fibra in hotel per migliorare la rete WiFi nelle camere. Il WiFi è gratuito per te e puoi trovare i codici alla reception.

In questo modo rimani connesso, per svago, divertimento o per dare giudizi sul nostro hotel.

Prenota ora le tue camere!


#Hotel #Rocamadour #WiFi #gratuit #Fibre
16 feb 24

Buone notizie per i nostri clienti. Dal 2018 non aumentiamo i prezzi delle bevande al bar e alla terrazza del nostro hotel.

Un caffè da 1,40 eur, una birra (26 cl.) da 2,60 eur e un bicchiere di vino (bianco o regionale rosato 10 cl.) da 2,50 euro e un bicchiere di vino regionale rosso da 3,20 (10 cl.)

Approfittate dei prezzi bassi per un piacevole soggiorno.

Prenota ora le tue camere!


#Hotel #Rocamadour #bar #terasse #prix #agreable #inflation
11 feb 24

Apertura 1 aprile

Il sole si sta svegliando, gli uccellini cinguettano ancora un po' e la primavera è nell'aria.

Non vediamo l'ora di darvi il benvenuto nel nostro hotel questa stagione.

Riapriremo il 1 aprile e stiamo ultimando i preparativi per la stagione; nuova illuminazione sulla terrazza, qualche quadro qua e là e aria condizionata in 9 delle 10 camere.

Prenota ora le tue camere!

A presto

Sylvie e Meindert


#Hotel #Rocamadour #climatisation #terasse #gare